Come fare i capelli rasta o dread ?

capelli rasta

Capelli Rasta o Dread come realizzarli?

I capelli Rasta sono una scelta alla quale bisogna pensare bene prima di effettuare un cambiamento che è certamente radicale. I dread in testa sono spesso associati anche a precise attitudini e gusti personali che rappresentano una filosofia di vita in tutto e per tutto, ma possono anche essere solamente una scelta estetica alternativa che si vuole percorrere.

Certamente chi si fa i capelli Rasta è uno spirito libero che intende mostrarsi alla società e per mostrarsi sceglie una capigliatura definitiva. Viste le premesse, avendo accertato quanto sia risolutiva tale scelta se ancora siete certi di compiere questo passaggio allora proseguite nella lettura dell’articolo.

La lunghezza dei capelli per poter realizzare i Rasta deve essere di almeno 15-20 cm al di sotto di questa lunghezza questa acconciatura è difficile da realizzare visto che si possono sciogliere con molta facilità e andrebbero ritoccati in continuazione.

Come fare allora?

Di metodi per realizzare una capigliatura Rasta ce ne sono moltissimi, ma di base il consiglio è quello di avere dei capelli secchi e sfibrati. Noi oggi abbiamo scelto quello che viene considerato il metodo più tradizionale, per il quale occorre l’impiego della tecnica con l’uncinetto.

Siete pronti? Bene ora potete proseguire nella lettura e vedere come si realizzano le ciocche Rasta!

Andate a suddividere i capelli in diverse ciocche di uno spessore variabile a seconda di come lo preferite. Le ciocche è preferibile dividerle su base quadrata piuttosto che tonda, questo faciliterà il lavoro successivo che realizzerete sulle singole parti precedentemente divise.

Effettuata questa divisione prenderete la prima ciocca e la cotonerete andando a pettinare i capelli verso la parte superiore (verso l’attaccatura) attraverso l’utilizzo di un pettine che abbia dei denti stretti. Cotonare i capelli è la seconda fase, questo secondo passaggio è basilare per creare i Rasta.

A questo punto siete pronti per l’uncinetto. Ve ne occorre uno che misuri da 0,55 a 0,60, lo impiegherete per andare ad inserire al centro della ciocca cotonata i capelli che sono fuoriusciti da essa in precedenza.

capelli ciocche rasta
capelli ciocche rasta

Nel caso di questo metodo tradizionale la maggioranza del lavoro a questo punto è compiuto, ma vi è successivamente a questi tre passaggi, da attendere del tempo (circa un mese) per far si che l’acconciatura possa essere lavata, quindi il primo lavaggio viene posticipato per un tempo abbastanza lungo, lo si può considerare il quarto passaggio per questa scelta originale.

Il lavaggio va effettuato unicamente con un olio per capelli estratto da piante (quindi completamente naturale), niente shampoo ne balsamo, si intuisce che il profumo di questa capigliatura non è dei migliori e che anche la sua conservazione richiede un approccio molto diverso da quello con il quale molte persone sono abituate a prendersi cura di loro stesse, ovviamente occorreva parlare di questo come avvertimento e per far si che una volta che scegliate questa acconciatura abbiate tutti gli elementi da prendere in considerazione prima di compierla la vostra scelta.

Qualche informazione in più

La moda Rasta esiste da ormai molti anni, noi oggi vi abbiamo parlato del metodo più classico per realizzarli.
Il procedimento per realizzare i Rasta è suddivisibile in due diverse fasi, quello della realizzazione e quello del consolidamento.

Nella prima fase come abbiamo spiegato nella tecnica del “Metodo Tradizionale” si realizzano le ciocche Rasta, nella seconda fase occorre mantenere tali ciocche evitando di lavarsi i capelli per un mese, questa seconda fase occorre a stabilizzare il procedimento precedente e presume un lavaggio con agenti naturali ma dopo 30 giorni dalla realizzazione, occorre precisare che molti dei prodotti attualmente in commercio per il trattamento dei Rasta non è molto valido per questo genere di capigliatura e quindo cere e kit per trattarli sono abbastanza inutili, essendo i Rasta un acconciatura naturale occorre lavare i capelli sono con prodotti completamente naturali.

Ulteriori consigli sul come trattare i Rasta

Se avete i capelli bagnati evitate di andare a dormire lasciandoli tali, sui Rasta non è raro che si formi della muffa quindi occorre sempre asciugare il capello.

L’acqua del mare aiuta nel procedimento di realizzazione dei Rasta, quindi occorre tenere presente questo fattore se scegliete questa capigliatura.

Queste ciocche cotonate e attorcigliate crescono, il metodo per realizzarle lo abbiamo descritto ma sono un tipo di acconciatura naturale come detto, questo comporta un attenzione maggiore al mantenimento più che alla realizzazione, infatti se i capelli vengono poco trattati separandoli, non lavandoli e aggrovigliandoli i Rasta crescono poi sulla base di questo lavoro che è minimo.

Il procedimento di aggrovigliamento richiede almeno 6-12 ore, quindi se volete ritagliarvi uno spazio di tempo per realizzare questa acconciatura sappiate che non sarà un tempo breve, un escamotage per realizzarli è quello di decolorare i capelli, rendendoli secchi e sfibrati, in un tempo successivo una volta realizzata la capigliatura definitiva, potrete ritingerli del vostro colore o di un altro colore se preferite. Come detto se di base il capello è privo di forfora e sfibrato il procedimento per realizzare i Rasta sarà molto meno lungo.

L’ultimo consiglio è quello di riflettere bene prima di procedere, se vi pentirete dovrete tagliare tutti i capelli perché questo genere di acconciatura è permanente e non consente di agire su di essa una volta realizzata e consolidata, si può agire sui capelli in crescita, sulle punte, sulla tinta da applicare ma non sullo scioglimento, il carattere permanente è un fattore importante, tenetelo in considerazione.

The following two tabs change content below.
Erika beauty specialist

Erika beauty specialist

Erika, beauty blogger specialist. Webwriter, makeup e rossetti non hanno segreti per lei.
Erika beauty specialist

Ultimi post di Erika beauty specialist (vedi tutti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *